Castelli, fortezze e città fortificate
| Home | Castelli Chianti | Castelli Fiorentini | Castelli Senesi | Castelli Aretini | Castelli Maremma | Stato dei Presidi |
| Castelli Umbria | Rocca Radicofani | Rocca San Leo | Castelli da sogno | Grandi battaglie | Giostra Saracino | Giochi medioevali |

| Home Castelli Chianti | Ama | Barbischio | Brolio | Badia di Coltebuono | Cacchiano | Castagnoli | Lecchi |
| Lucignano | Giusto a Rentennano | Meleto | Montegrossi | San Polo in Rosso | Spaltenna | Tornano | Vertine |

Castello di Montegrossi



A circa 4,7 chilometri da Gaiole in Chianti, sulla statale per Cavriglia e Montevarchi, si trova il bivio per l'abitato di Montegrossi e da questi verso le rovine dello omonimo castello.

Il castello fu costruito poco prima del 1000 dai Firidolfi e probabilmente questo fu il primo vero grande castello della casata dei Firidolfi (i figli di Rodolfo) stessi.

Era il tempo in cui in Toscana comandava, come feudatario dell'Impero, il grande Marchese Ugo di Toscana (+1001) figlio di Wilma.

Ugo, che era pure abate, aveva sposato Giuditta nipote dell'Imperatore Ottone.

La cosa può oggi sembrare strana ma tra i Franchi era permesso il matrimonio per secolarizzare i feudi ecclesiastici.

Castello di Montegrossi



Ugo di Toscana a parte il castello divenne, per la sua posizione strategica sul Valdarno e sul Chianti, la fortificazione principali dell'Impero (sia sotto Federico I e poi sotto Enrico IV) in zona.

Castello di Montegrossi


Il castello faceva infatti parte della serie di fortificazioni Imperiali che da San Miniato al Tedesco arrivavano proprio fino a Montegrossi.

Successivamente il castello passò sotto i Firidolfi - Ricasoli (che a nostra conoscenza ne sono ancora i proprietari).

Castello di frontiera fu distrutto prima dai fiorentini nel 1172 (o nel 1182?) che poi lo occuparono definitivamente dal 1197.

Il castello fu occupato durante la seconda l'invasione Aragonese del 1478 per poi essere definitivamente distrutto dagli Imperiali di Carlo V nel 1530.

Da allora del castello restano solo le rovine del cassero.

Castello di Montegrossi

Montegrossi visto da Cacchiano


Montegrossi visto dalla cava di pietra

Castello di Montegrossi

Montegrossi visto da Montegrossi

Castello di Montegrossi

Montegrossi visto dalla Badia di Coltibuono

Castello di Montegrossi

Montegrossi visto (col teleobiettivo) da Barbischio

Castello di Montegrossi


Oggi il Castello di Montegrossi è poco più che un rudere.

Vale la pena visitarlo nelle giornate limpide per il panorama di cui si può, godere sia sul Chianti e sia sul Valdarno.


Devi andare in USA per lavoro o turismo? Allora hai bisogno dell'Eletronic System of Travel Authorization per gli USA.

Con i servizi offerti da ESTA la ottieni in solo 48 ore.




fortezze.it
Tu sei il nostro



visitatore dal 30/09/2001



oggi su acpb sono state viste ... pagine


Ti è piaciuta questa pagina?

Se "SI" votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto

e per restare in contatto con noi seguici su








fortezze.it è pubblicato con
Licenza Creative Commons
























Castello di Brolio