Castelli, fortezze e città fortificate
| Home | Castelli Chianti | Castelli Fiorentini | Castelli Senesi | Castelli Aretini | Castelli Maremma | Stato dei Presidi |
| Castelli Umbria | Rocca Radicofani | Rocca San Leo | Castelli da sogno | Grandi battaglie | Giostra Saracino | Giochi medioevali |

| La Giostra del Saracino | La Giostra di Giugno | La Giostra di Settembre | l'Albo d'Oro | Foto gallery | I biglietti |

La Giostra del Saracino

Città di Arezzo




4 Settembre 2016


Gian Maria Scortecci (che ha marcato punti 4 e 5)

Elia Cicerchia (che ha marcato punti 5)

hanno vinto per il quartiere di Porta Santo Spirito e fatto un magico triplete

la 133a Giostra del Saracino della Città di Arezzo.

Ogni anno, il penultimo sabato di Giugno e la prima domenica di Settembre, si svolge ad Arezzo la Giostra del Saracino.

Giostra del Saracino di Arezzo

I musici della Giostra del Saracino di Arezzo - foto di Christine Webb

Probabilmente molti di Voi hanno visto qualche carriera della Giostra in qualche programma TV, ma vederla dal vivo è tutta un'altra cosa.

Sostanzialmente la Giostra del Saracino ("Giostra ad burattum") è un antico gioco cavalleresco che, come esercizio di addestramento militare, affonda le sue radici nel Medio Evo e richiama la secolare lotta sostenuta dalla cristianità occidentale per contenere l'avanzata mussulmana.

Giostra del Saracino di Arezzo

La Giostra, che dall'inizio del Seicento è una peculiarità aretina, decade nel corso del XVIII secolo fino a scomparire del tutto, almeno nella sua versione più "nobile".

Dopo una vivace ripresa popolaresca fra Sette ed Ottocento, una nuova scomparsa dopo il 1810 ed una fugace apparizione nel 1904 sulla scia della rivalutazione del Medio Evo operata dal movimento romantico, la Giostra viene stabilmente ripristinata nel 1931, in forma di rievocazione storica ambientata nel XIV secolo, assumendo rapidamente anche un autentico carattere agonistico.

Giostra del Saracino di Arezzo - Maestro di Campo e dietro il Vice-Maestro di Campo

Capitano del quartiere di Porta Crucifera

Protagonisti della Giostra del Saracino sono i quattro antichi quartieri della città:

La giornata Giostresca si apre al mattino con la lettura del bando da parte dell'Araldo.

Poi prosegue con un variopinto corteo storico che si snoda per le vie della città con 350 figuranti in costume trecentesco e ben 27 cavalli.

Il momento saliente del corteo è la benedizione degli armati sulle scalinate del Duomo da parte del Vescovo di Arezzo.

Il torneo cavalleresco, che si svolge nella preziosa cornice di Piazza Grande agli ordini del Maestro di Campo, si apre con l'ingresso in piazza, al suono di trombe e di tamburi, del corteo storico, recante gli antichi gonfaloni della città.

I momenti salienti di questa fase sono l'ingresso delle massime Autorità della Giostra: Magistratura, Giuria, Rettori dei Quartieri.

Segue:

  • l'esibizione degli Sbandieratori (di Arezzo)



  • l'ingresso (al galoppo) dei giostratori



  • lo schieramento sulla lizza dei cavalieri di casata rappresentanti l'antica nobiltà aretina



  • la lettura da parte dell'Araldo della Disfida di Buratto (una composizione poetica in tre ottave risalente al XVII secolo)



  • il saluto di balestrieri e armigeri al grido di "Arezzo"



  • l'autorizzazione della Magistratura a correr giostra



  • l'esecuzione dell'Inno del Saracino - opera del compositore Giuseppe Pietri (1886-1946) -



  • la lettura, da parte dell'Araldo, della Disfida di Buratto re delle Indie



La disfida di Buratto Re delle Indie letta da Francesco Sebastiano Chiericoni

La disfida di Buratto Re delle Indie letta da Francesco Sebastiano Chiericoni

Disfida di Buratto re delle Indie

Non più d'usati onori aure cortesi

spingon, o Castro, il piede a' tuoi contorni. Sol quest'usbergo e rilucenti arnesi

premon le membra a vendicar gli scorni.

I magnanimi spirti a torto offesi, lungi dal trionfar, odiano i giorni.

Con questo del flagel più grave pondo, giuro atterrir, giuro atterrare il mondo.

Oggi provar t'è forza, empio arrogante, che merte sol vers'i Tartarei chiostri, un falso traditor volga le piante e del suo sangue il suo terreno inostri.

Ogni patto aborrisco e da qui avante vesto la spoglia de' più orrendi mostri.

Troppo infiamma il mio cuor giusta vendetta, onde sol morte e gran ruine aspetta.

Oggi vedrai, s'al nuovo campo ascendi, s'al tuo folle vantar sian l'opre uguali.

Prendi pur l'asta e fra tue strage apprendi l'armi di un falso ardir quanto sian frali.

Manda chi più t'aggrada e solo attendi, da troppo irata man, piaghe mortali.

Non più parole, omai, vo' vendicarmi:

Al campo!

Alla battaglia!

All'armi!

All'armi!



Inizia poi la gara vera e propria: i giostratori delle quattro "porte", i veri protagonisti della manifestazione, si gettano al galoppo (la corsa è detta carriera), lancia in resta, contro il Saracino, un automa corazzato, che rappresenta un saraceno armato di mazzafrusto ("detto Buratto, il Re delle Indie"), secondo l'ordine delle carriere stabilito per sorteggio la settimana antecedente la giostra nel corso di una cerimonia in costume in Piazza del Comune.

Numerosi gli imprevisti determinati dall'abilità, dal coraggio e dalla fortuna degli otto giostratori che si avvicendano sulla pista di terra battuta e in leggera salita ("lizza"), che taglia diagonalmente Piazza Grande.

Vince la competizione la coppia di cavalieri che, nel colpire lo scudo del Saracino (che presenta punteggi variabili fra uno e cinque), consegue il risultato più elevato.

Al loro Quartiere va in premio l'ambita lancia d'oro.

In caso di parità fra due o più Quartieri dopo le carriere ordinarie (due serie, una per ciascun giostratore), per aggiudicare il trofeo si ricorre ad una o più carriere di spareggio.

Al termine vengono sparati colpi di mortaio in onore del Quartiere vincitore.

Le regole del torneo, contenute in un "regolamento tecnico" che ripropone, quasi inalterati, i Capitoli per la Giostra di Buratto risalenti al 1677, sono, nonostante la veneranda età, di facile comprensione.

L'esito dello scontro fra i cavalieri cristiani e "l'infedele" resta incerto fino all'ultimo momento, a causa dei frequenti colpi di scena, che vanno dalla squalifica del giostratore (in caso di uscita dalla lizza) al raddoppio del punteggio (in caso di rottura della lancia nel violento impatto con il Saracino).


Sbandieratori Arezzo

La manifestazione si svolge ogni anno ad Arezzo il penultimo sabato di Giugno in notturna (Giostra di San Donato, patrono della città) e la prima domenica di Settembre nel pomeriggio (Giostra di Settembre).

Visita anche le nostre pagine sulle giostre di Giugno (in notturna) e Settembre (in diurna).



Fonte: Ufficio Archivio e Comunicazione, Assessorato al Turismo - Comune di Arezzo

E per chi vuole saperne di più consulti il sito ufficiale della Giostra del Saracino della Città di Arezzo all'indirizzo:

www.giostradelsaracino.arezzo.it



Devi andare in USA per lavoro o turismo? Allora hai bisogno dell'Eletronic System of Travel Authorization per gli USA.

Con i servizi offerti da ESTA la ottieni in solo 48 ore.




fortezze.it
Tu sei il nostro



visitatore dal 30/09/2001



oggi su acpb sono state viste ... pagine


Ti è piaciuta questa pagina?

Se "SI" votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto

e per restare in contatto con noi seguici su








fortezze.it è pubblicato con
Licenza Creative Commons
























Castello di Brolio